La prima astronauta nativa americana è pronta ad andare nello spazio

  • La cosmonauta fa parte della tribù Wailacki che vive nella zona di Round Valley, in California.
  • Nicole Aunapu Mann sarà la comandante responsabile di tutte le fasi del volo della missione, in partenza all’inizio di ottobre 2022.
  • Mann sarà la prima donna nativa americana nello spazio. Il primo uomo nativo americano nello spazio è stato John Herrington nel 2002.

“Sono orgogliosa”, ha detto Nicole Aunapu Mann all’agenzia di stampa Reuters. La statunitense sarà la prima donna nativa americana ad andare nello spazio. L’astronauta dovrebbe partire fra il 29 settembre e il 3 ottobre 2022 a bordo di un veicolo spaziale che la porterà verso la Stazione spaziale internazionale. Mann fa parte della missione Crew-5 insieme al connazionale Josh Cassada, all’astronauta giapponese Koichi Wakata e alla russa Anna Kikina; di origine Wailacki, è iscritta nei registri delle tribù californiane di Round Valley. “È stato un lungo viaggio, ma ne è valsa davvero la pena”, ha detto la cosmonauta parlando del suo percorso.

Nicole Aunapu Mann è entrata nella Nasa nel 2013
Nicole Aunapu Mann è entrata nella Nasa nel 2013 © Nasa

La storia di Nicole Aunapu Mann

Mann è nata il 27 giugno 1977 a Petaluma, in California. È laureata in ingegneria meccanica ed è un colonnello dei marines. Ha servito come pilota a sostegno delle operazioni di combattimento in Iraq e Afghanistan ed ha iniziato a lavorare alla Nasa nel 2013. L’astronauta americana è sposata ed ha un figlio. “Spesso con mio figlio ci sediamo fuori a guardare la Luna. Spero che un giorno lui sarà in grado di guardare la mamma volare e camminare sulla Luna” ha detto Mann al magazine National Geographic. Infatti, dopo il viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale, la cosmonauta è fra i candidati che prenderanno parte alla missione Artemis verso il satellite della Terra.

I membri dell’equipaggio che voleranno a bordo della missione Crew-5 della Nasa stanno ultimando un programma di addestramento di 18 mesi per prepararli alla missione sulla Stazione spaziale internazionale per una spedizione scientifica. Il razzo Falcon 9 di SpaceX lancerà l’equipaggio dal celebre Kennedy space center della Nasa in Florida.

È la prima astronauta nativa americana

“È molto eccitante”, ha detto Mann al quotidiano Indian Country Today. “Penso che sia importante comunicarlo alla nostra comunità, in modo che gli altri bambini nativi si rendano conto che alcune di quelle barriere che c’erano in passato stanno davvero iniziando ad essere abbattute“. La cosmonauta ha detto che nel suo bagaglio personale – ogni membro può portare fino a 1,4 kg per gli oggetti personali porterà anche un acchiappasogni che la madre le ha regalato quando era giovane. Secondo l’associazione Indigenous Foundation, gli acchiappasogni simboleggiano l’unità e forniscono protezione.

Timelapse in Google Earth
Razzo spaziale © Nasa via Getty Images

Il primo astronauta nativo fu John Herrington

Nel 2002, John Herrington, un membro della popolazione nativa americana dei Chickasaw Nation, è stato il primo uomo nativo americano a volare nello spazio. Ha portato la bandiera della sua tribù e un flauto tradizionale nel periodo oltre l’atmosfera durato 13 giorni. Ora toccherà a Mann che, grazie al suo viaggio fra le stelle, permetterà ai bambini di ogni provenienza di sognare guardando gli astri.